lunedì 21 settembre 2009

Alparone e il rapporto con cittadini

A seguito della prima riunione del Consiglio di Quartiere del Villaggio Ambrosiano ho ricevuto dai consiglieri dell'opposizione il seguente Comunicato Stampa. Dopo averlo letto chiedo ai cittadini che parteciperanno questa sera alla riunione del CdQ di Paderno di porre al Sindaco presente la stessa domanda sulla Rho-Monza per vedere se nel frattempo "il Migliore" si è preparato a dare una risposta più accettabile.

Si è svolto il Consiglio di Quartiere di Villaggio Ambrosiano ed il Sindaco Alparone ha collezionato l’ennesima brutta figura sul tema della Rho-Monza.
Dopo l’elezione del Presidente e del Vicepresidente il Sindaco ha voluto rispondere alle domande dei cittadini presenti ma ad una signora che, gentilmente, chiedeva chiarimenti sull’interramento ha prima risposto che non era li per discutere della Rho-Monza, poi l’ha consigliata di aspettare l’insediamento del Consiglio di Quartiere, di leggersi gli atti dell’Amministrazione nonché il suo programma elettorale arrivando infine ad accusarla di essere un provocatore.
La signora, insieme ad altri cittadini, se ne è andata dalla sala senza avere nessuna risposta.
La nostra opinione è che questa maggioranza non ha le idee chiare, per muoversi sul territorio viaggia a rimorchio di quella provinciale aspettando direttive provenienti da altri lidi.
Il Sindaco non perde occasione pubblica per sostenere di essere sempre disponibile ad ascoltare le famiglie di Paderno Dugnano ma forse queste persone non appartengono alle famiglie che ha in mente lui.

Consiglieri comunali
Partito Democratico
Arturo Baldassarre
Roberto Ranzenigo

11 commenti:

Anonimo ha detto...

buongiorno a tutti..anch io ero presente al consiglio di quartiere del villaggio ambrosiano e lo cose non sono andate come descritte dagli esponenti del pd.
le domande erano assolutamente provocatorie sia nei toni che nel contenuto quasi ad accusare alparone di essere lui l artefice di questo disastroso progetto a 14 corsie..dov'era la sinistra quando si discuteva di questo progetto in provincia??? erano tutti seduti allo stesso tavolo delle trattative col sig. Penati..troppo facile tirar fuori il problema in campagna elettorale e scaricare le colpe sul nuovo sindaco..

Carlo Arcari ha detto...

caro Anonimo, ho pubblicato il tuo commento, ma un'altra volta per favore firmati, tanto più se con il tuo intervento intendi contestare le cose dette da persone che si sono esposte con nome e cognome. E' più corretto, ciao e grazie

Anonimo ha detto...

Caro Anonimo qui non si tratta di incolpare il Nuovo Sindaco, ma di dare risposte chiare ai cittadini che attendono, preoccuapati, l'interramento della Rho - Monza. Sinceramente non approvo le modalità di non-confronto adottate, fino ad ora, dal sindaco. Ma questo conta relativamente, quello che conta è che sia in grado di portare a casa il risultato.

Emiliano Abbati

Valerio ha detto...

allora evitiamo di strumentalizzare la questione.. la giunta sta lavorando per interrare la rho-monza come era stato chiesto dal comitato prima delle ultime elezioni ( quindi nel tratto dell'imbocco alla milano-meda ) e sta facendo di tutto per ottenerlo, poi se si riuscirà ad interrarla per un tratto maggiore meglio ancora.. ma non si può dire che alparone tergiversi..
Inoltre il tavolo richiesto deve essere composto dai rappresentanti del quartiere e dal comitato, non capisco cosa c'entrino legambiente e gli amici del grugnotorto..
Cerchiamo di non strumentalizzare la cosa e di non prendere per i fondelli i cittadini che hanno firmato per l'interramento.

Anonimo ha detto...

io penso che venga fatta da una certa parte politica,della strumentalizzazione sul tema,fino a che c'erano loro al governo della città,si chiedeva un'interramnto parziale, ora che non governano più questi signori,si rilancia proponendo un'interramento su tutto il territorio padernese,va benissimo,ma come è stato detto già, nn scrichiamo le colpe sul sindaco è facile...in piu invito davvero a leggere il programma elettorale dove è trattato il tema rho monza....

Marco ha detto...

ma come ...... si chiede perchè alparone non risponda durante i consigli di quartiere del problema rho - monza.
la risposta forse stà nel fatto che ha messo in pratica ciò che gli è stato insegnato dagli stessi consiglieri comunali.... è sbagliata la "forma" , ancor di più il luogo.
il voler incalzare il sindaco sul problema dell'interramento stà diventando un vero e proprio strumento di attacco politico.
Alparone ha scritto sul proprio programma elettorale l'orientamento che vuole adottare, ed come tutti i problemi grossi non si può pensare che si possano risolvere in breve tempo.
Penso che basterebbe una semplice interpellanza in consiglio comunale per fare in modo di ottenere delle risposte, e non strumentalizzando il primo consiglio di quartiere pensando di mettere in difficoltà Alparone.
Saluti Marco

Anonimo ha detto...

Se il sindaco non tergiversa allora mi aspetto a breve la convocazione del tavolo tecnico.
Ma davvero ritenete che il problema riguardi solo il quartiere di paderno.
i danni li subiranno tutti i cittadini, polveri sottili e gas di scarico non si fermano a 10 metri dal luogo di emissione. Per cortesia cercate di documentarvi in maniera più approfondita, cosa che gioverebbe sicuramente, in una situazione delicata come questa. per quanto riguarda la questione Lagambiente, amici grugnotorto (di cui faccio parte) dico a voi quanto detto nelle settimane scorse. Non sta ne al Sindaco ne ad altri stabilire quali siano i legittimi interessi delle associazioni, che sono peraltro stabiliti dai rispettivi statuti, che vi piaccia o meno. Quindi noi continueremo ad incalzare chiunque si opponga all'interramnento mentre apprezzeremo chi si schiererà apertamente x quest'ultima soluzione.
Io ero al consiglio di quartiere di paderno l'altra sera insieme a rappresentati del comitato e delle Associazioni e non ricordo di alcuna provocazione anzi abbiamo apprezzato l'intervento della neo presidente
PS x anonimo: perchè continui a non firmarti, non si viene schedati??
Emiliano Abbati

Valerio ha detto...

Penso che siamo tutti d'accordo sull'interramento, e sia il sindaco che la giunta stanno lavorando per quello.
Sono cose che richiedono tempo, e non vorrei che si stia approfittando della questione per scopi secondari, non vedo il senso di aggiungere parti al tavolo tecnico, il comitato viste le firme dei cittadini basta e avanza. Il tentare di far entrare legambiente proprio non la capisco, e non capisco neanche il cambiare le carte in tavola dopo le elezioni.

gio.ross1 ha detto...

la passata amministrazione ha sempre parlato di interramento totale della tratta padernese, mi risulta che chi è disposto ad accettare un interramento parziale è il sindaco Alparone, come si legge nel suo programma elettorale "Oggi noi, ristabilendo un rapporto paritario e non succube con la Provincia, la Regione e il Governo, siamo pronti a richiedere con forza e ferma volontà l'interramento di almeno una parte dell'arteria."
L'incalzare il Sindaco su questo problema è dovuto al fatto che ormai a 3 mesi e mezzo dalla sua elezione non ha ancora fatto nulla, mentre l'iter per la progettazione e la costruzione sta andando avanti, il 2015 si avvicina.

Anonimo ha detto...

X Valerio: lo penso anche io. e dunque non riesco a capire dove sia il problema. Forse non capisco cosa intendi x "cambaire le carte in tavola". Il fatto di votare a destra o a sinistra non deve significare che poi si firma una delega in bianco nei confronti degli amministratori. Ogni cittadino ha il diritto\dovere di vigilare affinchè vengano rispettate, in primis, le reali esegienze di questi ultimi

Emiliano

Valerio ha detto...

cambiare le carte in tavola, intanto portandosi dietro al comitato uno schieramento come legambiente, che è politico, e poi, ma forse sono informato male, prima delle elezioni si era "d'accordo" su un certo tratto delle rho-monza ( l'attacco con la milano meda ) ora invece si pretende di più.
Cosa che comunque si cerca di fare, il sindaco e la sua giunta cercheranno di ottenere il totale interramento, ma difficile che ciò avvenga.